FORNI DI TEMPRA

 

La ANTONINI, per rispondere alle esigenze e alle richieste dei propri Clienti, ha inserito nel proprio programma di produzione, accanto agli ormai consolidati forni di ricottura e di decoro, i forni di tempra. La ANTONINI è riuscita a sviluppare una nuova tecnologia che ha portato alla messa a punto dei forni di tempra di ultima generazione.
Questa nuova tipologia di forni permette di ottenere per la tempra di qualsiasi tipo di vetro, la stessa produttività e qualità che si riscontrano nella ricottura e decorazione con l’utilizzo dei forni Antonini. Ancora una volta la ANTONINI, ha saputo incontrare le aspettative di quei Clienti che propongono prodotti che si distinguono a livello mondiale.
Lo sviluppo di questa nuova tecnologia ha coinvolto tutto lo staff di ANTONINI in un progetto a 360°, impegnandone tutte le risorse, nella ricerca di componentistica all’avanguardia, nella progettazione elettrica e meccanica, per arrivare alla messa in opera ed al collaudo finale di questo tipo di macchina. In quest’ultima fase sono state testate tutte le migliorie che hanno permesso di raggiungere questo alto livello qualitativo.
I forni di tempra Antonini possono sostanzialmente eseguire la tempra on-line o off-line. Sono costituiti da un tunnel composto da una serie di moduli riscaldanti (il cui numero e tipologia dipendono da numerosi fattori come la produzione giornaliera, il tipo di articolo, il tipo di vetro, ecc..), ognuno equipaggiato con ricircolatori d’aria, bruciatori a gas Antonini e sistema di rilevamento e regolazione automatica delle temperature. Nei forni off-line, nelle prime zone, dotate anche di sistema di aspirazione, viene eseguita la decorazione degli articoli di vetro. Nella parte restante del tunnel, il vetro subisce un processo termico di riscaldamento graduale fino a raggiungere i 700°C nelle ultime zone. Immediatamente all’uscita del tunnel, speciali sezioni soffianti, che agiscono sia sulla parte superiore sia su quella inferiore del vetro, ne provocano una brusca riduzione della temperatura dando luogo al tensionamento superficiale di tempra. Successivamente altre sezioni soffianti, raffreddano ancora il vetro fino ad una temperatura leggermente superiore a quella ambiente. Il flusso di aria raffreddante è ottenuto tramite potenti ventilatori centrifughi regolati in maniera indipendente da inverter. Nei forni on-line invece, le prime zone si comportano esattamente come un normale forno di ricottura, portando poi il vetro gradualmente a raggiungere i 700°C nelle ultime zone per eseguire poi la tempra esattamente come nei forni off-line.

 

 

 

I Clienti che hanno installato i nuovi forni di tempra Antonini, hanno riscontrato un incremento della produzione, una netta diminuzione delle rotture degli articoli durante e dopo la tempra, una migliorata qualità della decorazione, della ricottura e della tempra. Il tutto grazie ad un accurato controllo della temperatura nel tunnel e ad una migliorata distribuzione dell’aria nella zona di tempra all’uscita del tunnel.
Gli articoli temprati nel forno Antonini riescono a sopportare ΔT di 160°C e garantiscono risultati superiori allo standard impact-test. 
La tecnologia testata per i forni di tempra off-line e on-line, può anche essere estesa  per applicazioni speciali come ad esempio forni dove possono essere temprati due tipi diversi di articolo contemporaneamente.